Entertainment

La Berretti si prepara al torneo di Viareggio. Mister Costa: “La convinzione farà la differenza”

La Berretti di mister Costa si sta preparando per il torneo di Viareggo. Il Pontedera è stato sorteggiato nel girone 6 del gruppo B insieme a Sassuolo, Benevento e il Rīgas Futbola Skola, squadra lettone di buone prospettive.

“L’anno scorso abbiamo disputato un buon torneo e siamo usciti, a mio avviso, immeritatamente, a causa di alcuni episodi sfavorevoli – ha commentato il tecnico granata. – Nella precedente edizione abbiamo fronteggiato la Fiorentina (arrivata poi seconda), il Pas Giannina, squadra greca con un ottimo settore giovanile e l’Ascoli, anche questa società con un buon vivaio. Abbiamo dato filo da torcere a tutte e tre le formazioni, pareggiando con il Pas Giannina e perdendo contro Ascoli e Fiorentina per errori banali che abbiamo pagato a caro prezzo”.

Il girone di quest’anno è tutt’altro che semplice. Il Sassuolo è rinomato per il suo ottimo settore giovanile, così come il Benevento. Della squadra lettone si sa poco. Lo scorso anno ha passato il turno come migliore seconda perdendo poi 3 a 0 contro il Venezia (nel quale militava Filippo Serena, attualmente in prima squadra a Pontedera) negli ottavi di finale.

“Siamo consapevoli che sarà difficile – ha spiegato ancora mister Costa. – Quest’anno siamo ripartiti da zero con il settore giovanile. Lo scorso anno avevo tutti ragazzi del 99’, per questa stagione abbiamo deciso di prendere ragazzi dal 2000 al 2003 così da poter fare un percorso programmato di crescita. L’unico modo per farci valere al Torneo di Viareggio sarà credere in noi stessi, affrontare ogni partita con il massimo della grinta e non mollare mai, solo così potremo toglierci delle soddisfazioni”.

“Nel calcio non si parte mai sconfitti – conclude il tecnico. – Ci sono troppi fattori che possono cambiare durante la partita, ma la cosa che rimane invariata è che c’è una porta da attaccare e un’altra da difendere. Se tu difendi la tua porta alla morte e attacchi quell’altra alla morte, l’esito della partita non sarà mai scontato”.

Share